Rocco Siffredi: “Le mie esperienze sessuali”

  12 Set 2016

4311.0.550704857-0026-kXcC-U43160298800460IYG-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

 

Rocco Siffredi ha rilasciato delle dichiarazioni sconvolgenti durante il programma radiofonico La Zanzara di Radio 24.

L’attore hard ha rivelato di non essersi fatto mancare nulla in termini di esperienze sessuali: “Sono stato anche con gli uomini, ho provato tutto. Anche rapporti omosessuali. Ma non è questa la cosa brutta, figuriamoci. La cosa più schifosa che è successa nella mia vita è questa: quando giocavo con mio figlio, il cazzo mi prende, mi tira via e ti porta a fare sesso. Decide lui cosa devi fare. E la parte più negativa è quando ritorni e i tuoi figli ti dicono, dove sei stato, perché non eri con noi? E ti senti una supermerda”.

Il sesso è sempre stata una vera e propria ossessione per Siffredi: “Ho avuto una cistite cronica a 13 anni perché mi masturbavo come un matto. Mia madre mi portò all’ospedale di Lanciano. All’epoca si marinava la scuola e organizzavo le gare di masturbazione. Facevo il record. Più lo fai, più hai voglia. Undici volte in una mattinata di cinque ore. Ero arrivato a questo. E ho continuato fino a qualche anno fa”.
Una delle esperienze sessuali che più è rimasta impressa nella mente del pornodivo è quella accaduta con una donna settantenne: “Sono stato con una vicina di casa di mia madre. Piangevamo, ci abbracciavamo. Ci siamo stretti e a un certo punto mi è partito l’embolo. Erano due mesi che ero attaccato a mia madre, la vedevo vomitare sangue fino a quando non è morta. L’ho tirato fuori, era durissimo e gliel’ho messo in bocca e sono venuto. L’ho rimesso dentro, mi sono vergognato da morire e me ne sono andato”.

Condividi

Lascia un commento