Addio a Chadwick Boseman

  29 Ago 2020

La “Black Panther” della Marvel aveva 43 anni

Stamattina il mondo del cinema si è svegliato con una tragica notizia. Chadwick Boseman si è spento a 43 anni nella sua casa di Los Angeles, attorniato dall’affetto della sua famiglia, dopo una battaglia silenziosa contro un cancro al colon cominciata nel 2016. Boseman non aveva mai reso nota la malattia pubblicamente. Il battitore che divenne re. Si può dire che la carriera di Boseman sia nata per caso, dal momento che dopo aver interpretato diversi ruoli minori in film (The express: the Ernie Davis story) e serie televisive (Lincoln Heights, Person Unknown) sembrava in procinto di dedicarsi a tempo pieno alla regia di spettacoli teatrali, quando fece un provino per il film di Brian Hengeland, 42 (2013), dove interpretò al fianco di Harrison Ford, Jackie Robinson, uno dei primi giocatori di colore della Major League di baseball americana che dovette far fronte all’odio razzista che vigeva in America negli anni ’50. Successivamente interpretò il padrino della musica soul James Brown nel biopic musicale Get on up – La storia di James Brown (2014). Prima di giungere al ruolo che lo ha reso celebre al grande pubblico, quando nel 2016 entrò nel Marvel Cinematic Universe vestendo per la prima volta i panni del re del Wakanda T’challa aka Black Panther in Captain America: Civil War. Ruolo che riprenderà in altri tre film: nello stand alone  campione di incassi in America Black Panther (2018), e nei due film con protagonisti gli Avengers, Civil War (2018) e Endgame (2019), quest’ultimo il film con il miglior incasso nella storia del cinema. Il suo ultimo lavoro è stato Da five blood – Come fratelli (2020), diretto da Spike Lee, rilasciato pochi mesi fa sulla piattaforma Netflix.

                                                                                                   Jacopo Alpi

Condividi

  ,

Lascia un commento