Ugo Tognazzi, un poliedrico modus actoris

  27 Ott 2018

Ugo Tognazzi (Cremona, 23 marzo 1922 – Roma, 27 ottobre 1990) è stato un attore, regista e sceneggiatore italiano.

Nel 1950 esordisce al cinema con un film diretto da Mario Mattoli, “I cadetti di Guascogna”, al fianco di Walter Chiari. L’anno seguente conosce Raimondo Vianello con cui forma una coppia comica di grande successo che dal 1954 al 1960 lavora per la neonata RAI con il varietà “Un due tre”; la comicità più popolaresca e sanguigna di Ugo e quella più raffinata e “inglese” di Raimondo si compenetrano a vicenda con ottimi risultati comici.

Dopo numerose farse cinematografiche e televisive Tognazzi negli anni sessanta passa alla commedia all’italiana, dando un apporto molto personale al genere: al suo interno infatti gioca magistralmente la carta delle sue radici equidistanti tra l’operosa Milano e la godereccia Bassa Padana tra Cremona, Piacenza e Modena.

Curiosa ma allo stesso tempo incredibile fu la sua interpretazione in “Ultimo minuto”, definita dal portale Ciak Magazine come “maschera amara che conserva sfumature di passione per un gioco ormai sempre più vittima di poteri forti e intrallazzi. Una commedia dolceamara, assolutamente da recuperare, che ha il merito di porre una lente di ingrandimento il mondo del calcio dietro le quinte, con uno sguardo critico che le trasmissioni televisive sono incapaci di mostrare”.

Sterminata la sua verve cinematografica:

I cadetti di Guascogna, regia di Mario Mattoli (1950)
La paura fa 90, regia di Giorgio Simonelli (1951)
Una bruna indiavolata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1951)
Auguri e figli maschi!, regia di Giorgio Simonelli (1951)
L’incantevole nemica, regia di Claudio Gora (1953)
L’amore in città, registi vari (1953)
Sua Altezza ha detto: no!, regia di Maria Basaglia (1953)
Siamo tutti milanesi, regia di Mario Landi (1953)
Se vincessi cento milioni, regia di Carlo Campogalliani e Carlo Moscovini (1953)
Café Chantant, regia di Camillo Mastrocinque (1953)
Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1954)
Milanesi a Napoli, regia di Enzo Di Gianni (1954)
La moglie è uguale per tutti, regia di Giorgio Simonelli (1955)
Domenica è sempre domenica, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
Totò nella luna, regia di Steno (1958)
Mia nonna poliziotto, regia di Steno (1958)
Marinai, donne e guai, regia di Giorgio Simonelli (1958)
Il terribile Teodoro, regia di Roberto Bianchi Montero (1958)
Guardatele ma non toccatele, regia di Mario Mattoli (1959)
Fantasmi e ladri, regia di Giorgio Simonelli (1959)
Non perdiamo la testa, regia di Mario Mattoli (1959)
Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1959)
Le cameriere, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1959)
Psicanalista per signora, regia di Jean Boyer (1959)
Noi siamo due evasi, regia di Giorgio Simonelli (1959)
La duchessa di Santa Lucia, regia di Roberto Bianchi Montero (1959)
La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
Tipi da spiaggia, regia di Mario Mattoli (1959)
La sceriffa, regia di Roberto Bianchi Montero (1959)
La Pica sul Pacifico, regia di Roberto Bianchi Montero (1959)
I baccanali di Tiberio, regia di Giorgio Simonelli (1960)
Genitori in blue-jeans, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
Il principe fusto, regia di Maurizio Arena (1960)
Il mio amico Jekyll, regia di Marino Girolami (1960)
Le olimpiadi dei mariti, regia di Giorgio Bianchi (1960)
Femmine di lusso, regia di Giorgio Bianchi (1960)
Un dollaro di fifa, regia di Giorgio Simonelli (1960)
Tu che ne dici?, regia di Silvio Amadio (1960)
A noi piace freddo…!, regia di Steno (1960)
Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
Sua Eccellenza si fermò a mangiare, regia di Mario Mattoli (1961)
Che gioia vivere, regia di René Clément (1961)
Il federale, regia di Luciano Salce (1961)
5 marines per 100 ragazze, regia di Mario Mattoli (1961)
La ragazza di mille mesi, regia di Steno (1961)
Il mantenuto, non accreditato, regia di Ugo Tognazzi (1961)
Pugni pupe e marinai, regia di Daniele D’Anza (1961)
I magnifici tre, regia di Giorgio Simonelli (1961)
Gli italiani e le donne, regia di Marino Girolami (1962)
Una domenica d’estate, regia di Giulio Petroni (1962)
La voglia matta, regia di Luciano Salce (1962)
Psycosissimo, regia di Steno (1962)
La cuccagna, regia di Luciano Salce (1962)
I tromboni di Fra’ Diavolo, regia di Giorgio Simonelli (1962)
I motorizzati, regia di Camillo Mastrocinque (1962)
La marcia su Roma, regia di Dino Risi (1962)
Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
Ro.Go.Pa.G., episodio “Il pollo ruspante”, regia di Ugo Gregoretti (1963)
Le ore dell’amore, regia di Luciano Salce (1963)
Una storia moderna – L’ape regina, regia di Marco Ferreri (1963)
I mostri, regia di Dino Risi (1963)
I fuorilegge del matrimonio, regia di Valentino Orsini e Paolo e Vittorio Taviani (1963)
Alta infedeltà, episodio “Gente moderna”, regia di Mario Monicelli (1964)
Liolà, regia di Alessandro Blasetti (1964)
La vita agra, regia di Carlo Lizzani (1964)
La donna scimmia, regia di Marco Ferreri (1964)
Il magnifico cornuto, regia di Antonio Pietrangeli (1964)
Controsesso, episodio “Il professore”, regia di Marco Ferreri (1964)
I complessi, episodio “Il complesso della schiava nubiana”, regia di Franco Rossi (1965)
Una moglie americana, regia di Gian Luigi Polidoro (1965)
Io la conoscevo bene, regia di Antonio Pietrangeli (1965)
Oggi, domani, dopodomani, episodio “L’uomo dei cinque palloni”, regia di Marco Ferreri (1965)
Ménage all’italiana, regia di Franco Indovina (1965)
L’uomo dei cinque palloni, regia di Marco Ferreri (1965)
Marcia nuziale, regia di Marco Ferreri (1966)
Una questione d’onore, regia di Luigi Zampa (1966)
I nostri mariti, episodio “Il marito di Attilia”, regia di Dino Risi (1966)
Le piacevoli notti, regia di Armando Crispino e Luciano Lucignani (1966)
Il fischio al naso, regia di Ugo Tognazzi (1967)
L’harem, regia di Marco Ferreri (1967)
L’immorale, regia di Pietro Germi (1967)
Il padre di famiglia, regia di Nanni Loy (1967)
Gli altri, gli altri e… noi, regia di Maurizio Arena (1967)
Straziami ma di baci saziami, regia di Dino Risi (1968)
Barbarella, regia di Roger Vadim (1968)
Sissignore, regia di Ugo Tognazzi (1968)
La bambolona, regia di Franco Giraldi (1968)
Satyricon, regia di Gian Luigi Polidoro (1969)
Porcile, regia di Pier Paolo Pasolini (1969)
Il commissario Pepe, regia di Ettore Scola (1969)
Nell’anno del Signore, regia di Luigi Magni (1969)
Cuori solitari, regia di Franco Giraldi (1970)
Venga a prendere il caffè da noi, regia di Alberto Lattuada (1970)
Splendori e miserie di Madame Royale, regia di Vittorio Caprioli (1970)
La Califfa, regia di Alberto Bevilacqua (1970)
La supertestimone, regia di Franco Giraldi (1971)
In nome del popolo italiano, regia di Dino Risi (1971)
Stanza 17-17 palazzo delle tasse, ufficio imposte, regia di Michele Lupo (1971)
Questa specie d’amore, regia di Alberto Bevilacqua (1972)
L’udienza, regia di Marco Ferreri (1972)
Il maestro e Margherita, regia di Aleksandar Petrović (1972)
Il generale dorme in piedi, regia di Francesco Massaro (1972)
Vogliamo i colonnelli, regia di Mario Monicelli (1973)
La grande abbuffata, regia di Marco Ferreri (1973)
La proprietà non è più un furto, regia di Elio Petri (1973)
Non toccare la donna bianca, regia di Marco Ferreri (1974)
Permettete signora che ami vostra figlia?, regia di Gian Luigi Polidoro (1974)
Romanzo popolare, regia di Mario Monicelli (1974)
La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone, regia di Pupi Avati (1975)
La smagliatura, regia di Peter Fleischmann (1975)
Amici miei, regia di Mario Monicelli (1975)
L’anatra all’arancia, regia di Luciano Salce (1975)
Al piacere di rivederla, regia di Marco Leto (1976)
Telefoni bianchi, regia di Dino Risi (1976)
Cattivi pensieri, regia di Ugo Tognazzi (1976)
Signore e signori, buonanotte, regia di Luigi Comencini, Nanni Loy, Luigi Magni, Mario Monicelli ed Ettore Scola (1976)
La stanza del vescovo, regia di Dino Risi (1977)
Casotto, regia di Sergio Citti (1977)
I nuovi mostri, regia di Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola (1977)
Il gatto, regia di Luigi Comencini (1977)
Nenè, regia di Salvatore Samperi (1978)
La mazzetta, regia di Sergio Corbucci (1978)
Primo amore, regia di Dino Risi (1978)
Il vizietto, regia di Édouard Molinaro (1978)
Dove vai in vacanza?, episodio “Sarò tutta per te”, regia di Mauro Bolognini (1978)
L’ingorgo, regia di Luigi Comencini (1979)
I viaggiatori della sera, regia di Ugo Tognazzi (1979)
La terrazza, regia di Ettore Scola (1980)
Arrivano i bersaglieri, regia di Luigi Magni (1980)
I seduttori della domenica, episodio “Il carnet di Armando”, regia di Dino Risi (1980)
Il vizietto II, regia di Edouard Molinaro (1980)
Sono fotogenico, regia di Dino Risi (1980)
La tragedia di un uomo ridicolo, regia di Bernardo Bertolucci (1981)
Scusa se è poco, regia di Marco Vicario (1982)
Amici miei – Atto IIº, regia di Mario Monicelli (1982)
Scherzo del destino in agguato dietro l’angolo come un brigante da strada, regia di Lina Wertmüller (1983)
Il petomane, regia di Pasquale Festa Campanile (1983)
Dagobert, regia di Dino Risi (1984)
Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno, regia di Mario Monicelli (1984).

Ultimo minuto (1987), regia di Pupi Avati

Condividi

 

Lascia un commento